Gestione e ripartizione dei contingenti tessili per il 2015 dalla Bielorussia e Corea del Nord

Regolamento di esecuzione (UE) n. 1235/2014 della Commissione, del 18 novembre 2014, che stabilisce regole per la gestione e la ripartizione dei contingenti tessili istituiti per il 2015 a norma del regolamento (CE) n. 517/94 del Consiglio

Il regolamento (CE) n. 517/94 ha istituito delle restrizioni quantitative su determinati prodotti tessili da alcuni paesi terzi; quantità da attribuirsi sulla base della regola “primo arrivato, primo servito”. Al fine di soddisfare il maggior numero possibile di operatori economici, il presente regolamento attenua il principio sopramenzionato (primo arrivato, primo servito) fissando dei massimali per i quantitativi attribuibili a ogni singolo operatore economico. E’ fatta anche salva la possibilità per gli operatori economici, di dimostrare, alla presentazione della prima domanda per il 2015, che nel 2014 hanno importato quantitativi superiori ai massimali imposti dal presente regolamento. In tal caso, le autorità competenti possono autorizzare, nei limiti dei quantitativi disponibili, quantitativi superiori ai massimali stabiliti dal regolamento, ma in ogni caso non superiore a quelli effettivamente importati nel corso del 2014 dallo stesso paese e per la stessa categoria. Inoltre, l’operatore economico che abbia esaurito almeno il 50% del quantitativo già autorizzato può inoltrare, per la stessa categoria e lo stesso paese d’origine, una nuova domanda per quantitativi che non eccedano i massimali di cui all’allegato I del regolamento. L’Autorità nazionali competenti possono, a partire dall’8 gennaio 2015, ore 10, notificare alla Commissione i quantitativi che sono stati richiesti a livello nazionale. L’Autorità nazionale competente, a cui gli operatori economici devono rivolgersi per chiedere la relativa licenza,  è, per l’Italia, il Ministero dello Sviluppo Economico. Le autorizzazioni all’importazione hanno una validità di nove mesi, che comunque non può oltrepassare la data del 31 dicembre 2015.

Rispondi