Richiesta di esaminare la merce dopo l’esitazione della dichiarazione di esportazione

Un nostro lettore ci chiede:

Ho presentato una dichiarazione di esportazione definitiva, bolletta EX telematizzata con  F.E.  e ricevuto codice di svincolo; contenitore è pronto per l’imbarco ma il vettore marittimo, sulla base di paventati dubbi sulla natura della merce dichiarata dal caricatore, chiede di aprire il contenitore e di verificare la merce stessa. Mi sembra che la Dogana può rifiutare a norma dell’articolo 272 del CDU di concedere la verifica a richiesta di parte, per le operazioni concluse a canale verde (C.A. – controllo automatizzato). Lo confermate?

Non riteniamo, nel caso prospettato dal lettore, trovi applicazione l’articolo 272 del CDU. Tale articolo è relativo alla modifica e annullamento (il codice parla di invalidamento) della dichiarazione sommaria d’uscita (che probabilmente nel caso del lettore assume la forma della dichiarazione di esportazione) e stabilisce un principio generale che riguarda tutti i tipi di dichiarazione: una dichiarazione non può essere modificata o annullata, salvo casi specificamente previsti dal legislatore, dopo che le autorità hanno concesso lo svincolo delle merci, o al verificarsi di determinati altri presupposti (si veda anche: l’art. 129 CDU – invalidamento della dichiarazione sommaria di entrata, l’art. 146 CDU – invalidamento della dichiarazione di custodia temporanea, l’art. 174 CDU – invalidamento della dichiarazione in dogana, art. 275 CD – invalidamento notifica di riesportazione).

Si è, piuttosto, dell’opinione che non essendo ancora le merci, nel caso prospettato, uscite dal territorio doganale dell’Unione, esse  si trovino sotto vigilanza doganale, ai sensi degli articoli 158, p. 3) e 267, p. 1)  CDU (invero, trattandosi di merci pronte per l’imbarco, esse si trovano ancora negli spazi doganali). Trovandosi sotto vigilanza doganale, le Autorità doganali hanno facoltà di adottare qualsiasi provvedimento atto garantire l’osservanza della normativa doganale (art. 5, p. 27) CDU). Inoltre, devono valutare accuratamente eventuali nuove informazioni fornite dagli operatori economici coinvolti in una specifica operazione al fine di mitigare qualsiasi rischio doganale, inclusi quelli attinenti alla sicurezza.

Nel caso in esame, il vettore sospetta che la merce dichiarata non sia quella effettivamente stivata nel contenitore e chiede alla dogana di verificarla, la dogana non può esimersi dal valutare l’informazione fornita e nel caso la ritenga attendibile non solo ha la facoltà ma l’obbligo di autorizzare l’apertura del contenitore e la verifica del suo contenuto, ed eventualmente adottare tutti i provvedimenti necessari nel caso di discrepanza tra quanto dichiarato e quanto accertato.

Accordo UE-Giappone e sistema REX

Un nostro gentile lettore ha scritto:

Buongiorno, opero col Giappone, effettuando sia operazioni d’importazione che di esportazione. Tenuto conto che l’accordo di partenariato con il Giappone è entrato in vigore il 19 febbraio 2019, potreste cortesemente darmi una risposa alle seguenti domande:

  1. Ai fini della prova dell’origine si userà il REX?
  2. Nel REX dovranno iscriversi sia gli esportatori europei che quelli giapponesi?
  3. La base legale si trova nell’accordo? Dove?
  4. Chi è già registrato al REX deve fare qualcosa? Chiedere una nuova registrazione a valere per il Giappone?

Gli esportatori dell’Unione europea per  beneficiare  dell’accordo UE-Giappone devono registrarsi, se non lo sono già, nel sistema REX. Il REX gestirà solo gli esportatori europei, mentre quelli giapponesi dovranno dichiarare un loro numero identificativo, c.d. corporate number, rilasciato dall’Autorità fiscale giapponese, composto di 13 cifre. Chi fosse interessato a conoscere se uno specifico esportatore giapponese sia registrato nel sistema può farlo al seguente link: http://www.houjin-bangou.nta.go.jp

Per quanto riguarda gli esportatori dell’Unione, la base legale non è contenuta nei singoli accordi che l’unione sottoscrive, ma è stabilita in via generale nell’articolo 68 del RE (Regolamento 2015/2447) che prevede che qualora: “l’Unione ha un regime preferenziale con un paese terzo in base al quale l’esportatore può compilare un documento relativo all’origine conformemente alla legislazione pertinente dell’Unione, un esportatore stabilito nel territorio doganale dell’Unione può chiedere di essere registrato a tale fine”.

Con riferimento alla domanda n. 4), la questione è stata già chiarita nella circolare 13/D del 16/11/2017 dell’Agenzia delle dogane e dei Monopoli, dove si può leggere: “Una volta assegnato, il numero REX è unico e l’esportatore registrato lo utilizza per tutte le sue esportazioni, sia con riferimento agli Accordi preferenziali che prevedono l’applicazione di questo sistema sia in ambito SPG”. Quindi, chi è registrato non deve provvedere a una nuova registrazione: userà il numero attribuito dal REX ai fini della dichiarazione su fattura anche con riferimento all’accordo UE-Giappone. Ovviamente, l’operatore economico potrà fare la dichiarazione solo nel caso in cui le merci rispettino la pertinente regola d’origine dell’accordo specifico (es. operatore commercializza con Canada e Giappone, pur trattandosi della stessa merce potrebbe darsi che la regola specifica d’origine sia diversa, quindi, prima di dichiarare l’origine, bisogna essere sicuri di aver applicato la regola specifica dell’accordo pertinente).

Produzione e vendita di vino ad altro Paese dell’UE: i chiarimenti delle Dogane

Fonte: Ipsoa

Produzione e vendita di vino ad altro Paese dell’UE: i chiarimenti delle Dogane – I piccoli produttori di vino sono esentati dall’obbligo della licenza di deposito fiscale e da quelli connessi alla circolazione ed al controllo,…

Sorgente: Produzione e vendita di vino ad altro Paese dell’Ue: i chiarimenti delle Dogane

Italia-Cina: firmato protocollo per export carni suine

 

Italia-Cina: firmato protocollo per export carni suine  – European Food Agency –  Finalmente ufficializzata la possibilità di esportare carni suine dall’Italia in Cina: il Ministro della Salute, Giulia Grillo, e l’Ambasciatore cinese a Roma, Li Ruiyu, …

Sorgente: Italia-Cina/2: firmato protocollo per export carni suine – EFA News

Hard Brexit: le possibili conseguenze in ambito doganale e Iva

Hard Brexit: le possibili conseguenze in ambito doganale e Iva. In vista dell’uscita del Regno Unito dall’Unione europea prevista per il prossimo 29 marzo (Brexit), l’Agenzia delle dogane ha pubblicato le Linee guida in cui …

Euroconference NEWS

Sorgente: Hard Brexit: le possibili conseguenze in ambito doganale e Iva