Richiesta di esaminare la merce dopo l’esitazione della dichiarazione di esportazione

Un nostro lettore ci chiede:

Ho presentato una dichiarazione di esportazione definitiva, bolletta EX telematizzata con  F.E.  e ricevuto codice di svincolo; contenitore è pronto per l’imbarco ma il vettore marittimo, sulla base di paventati dubbi sulla natura della merce dichiarata dal caricatore, chiede di aprire il contenitore e di verificare la merce stessa. Mi sembra che la Dogana può rifiutare a norma dell’articolo 272 del CDU di concedere la verifica a richiesta di parte, per le operazioni concluse a canale verde (C.A. – controllo automatizzato). Lo confermate?

Non riteniamo, nel caso prospettato dal lettore, trovi applicazione l’articolo 272 del CDU. Tale articolo è relativo alla modifica e annullamento (il codice parla di invalidamento) della dichiarazione sommaria d’uscita (che probabilmente nel caso del lettore assume la forma della dichiarazione di esportazione) e stabilisce un principio generale che riguarda tutti i tipi di dichiarazione: una dichiarazione non può essere modificata o annullata, salvo casi specificamente previsti dal legislatore, dopo che le autorità hanno concesso lo svincolo delle merci, o al verificarsi di determinati altri presupposti (si veda anche: l’art. 129 CDU – invalidamento della dichiarazione sommaria di entrata, l’art. 146 CDU – invalidamento della dichiarazione di custodia temporanea, l’art. 174 CDU – invalidamento della dichiarazione in dogana, art. 275 CD – invalidamento notifica di riesportazione).

Si è, piuttosto, dell’opinione che non essendo ancora le merci, nel caso prospettato, uscite dal territorio doganale dell’Unione, esse  si trovino sotto vigilanza doganale, ai sensi degli articoli 158, p. 3) e 267, p. 1)  CDU (invero, trattandosi di merci pronte per l’imbarco, esse si trovano ancora negli spazi doganali). Trovandosi sotto vigilanza doganale, le Autorità doganali hanno facoltà di adottare qualsiasi provvedimento atto garantire l’osservanza della normativa doganale (art. 5, p. 27) CDU). Inoltre, devono valutare accuratamente eventuali nuove informazioni fornite dagli operatori economici coinvolti in una specifica operazione al fine di mitigare qualsiasi rischio doganale, inclusi quelli attinenti alla sicurezza.

Nel caso in esame, il vettore sospetta che la merce dichiarata non sia quella effettivamente stivata nel contenitore e chiede alla dogana di verificarla, la dogana non può esimersi dal valutare l’informazione fornita e nel caso la ritenga attendibile non solo ha la facoltà ma l’obbligo di autorizzare l’apertura del contenitore e la verifica del suo contenuto, ed eventualmente adottare tutti i provvedimenti necessari nel caso di discrepanza tra quanto dichiarato e quanto accertato.

Operazioni triangolari e certificati Eur.1

Un nostro gentile lettore ha chiesto se nel seguente caso è possibile beneficiare del trattamento d’origine preferenziale e, in caso affermativo, come debba compilarsi il certificato EUR-1:

Un operatore economico italiano (IT) vende a un operatore statunitense (US) beni di origine italiana. US rivende i beni a un operatore economico egiziano (EG). I beni sono spediti direttamente da IT a EG.

In via di principio, non esistendo alcun dubbio circa l’origine Unionale dei beni  ed essendo gli stessi spediti direttamente da IT a EG,   nulla osta che tali beni possano godere del trattamento preferenziale. Continua a leggere Operazioni triangolari e certificati Eur.1

Trattamento doganale nei paesi terzi

Un nostro lettore ci ha scritto per chiedere dove è possibile trovare informazioni relative al trattamento doganale (dazi ed IVA) in vigore in determinati paesi terzi. A nostro avviso uno strumento  preciso e facile da usare, anche se in inglese e a pagamento (solo tre richieste sono gratis), è fornito dal sito Duty Calculator  che permette di calcolare l’importo sia del dazio che dell’IVA di moltissimi paesi. Noi lo abbiamo testato simulando un’importazione in Europa e i risultati sono stati ottimi. Sul web si trovano anche altri strumenti, ache gratuiti, ma non sembrano fornire informazioni attendibili e spesso sono limitati a specifici paesi. E’ facile comunque cercarli tramite Google, testarli  e vedere che uso se ne possa fare.

Un’altra strada che si può percorrere è far riferimento al sito della dogana del paese dove si intente esportare dove spesso è possibile trovare on line le informazioni necessarie al calcolo dei diritti doganali. Esse sono attendibili e gratuite, ma spesso vi è il grosso limite della lingua, anche se in molti casi la parte del sito relativa a tali informazioni  è tradotta anche in inglese. Sul sito dell’Organizzazione Mondiale delle Dogane è  possibile trovare l’elenco dei siti web delle dogane  di tutti i paesi aderenti.

Nella speranza di essere stati utili al nostro lettore, auguriamo a tutti buon lavoro.

Commercio illecito dei rifiuti: un’emergenza globale

Pubblichiamo un’interessante presentazione sul commercio illegale dei rifiuti  che il dott. Luigi Garruto ha presentato al convegno organizzato a Livorno dall’ “International Propeller Club”. Le note vicende italiane relative all’avvelenamento di interi territori in spregio non solo alle norme giuridiche ma persino al buon senso, hanno purtroppo portato alla ribalta tali tematiche. Il dott. Garruto affronta l’argomento con la consueta professionalità e passione che lo contraddistinguono, delineando il cambio di strategia delle associazioni criminali, e fornendo informazioni sulla normativa di riferimento.

Buona lettura!

Olio d’oliva: Classificazione doganale, origine e tutela

Il primo articolo di approfondimento del 2015 è un interessante lavoro del dott. Luigi Garruto sull’olio d’oliva e le connesse problematiche doganali. In particolare il dott. Garruto prende in dettagliata considerazione gli aspetti relativi alla classificazione e all’origine dell’olio d’oliva ai fini della tutela del prodotto di origine italiano. Buona lettura e ancora una volta auguri di uno splendido anno nuovo!